Filippo Poderini

Non Giudicare la Donna d’Altri

“Sono Hector Delacroix, ho ancora ventiquattro anni e gran parte della mia vita ancora davanti, nonostante alle mie spalle si collochi un baratro.”

Probabilmente ci sono persone che darebbero qualsiasi cosa per poter parlare come Giorgio Kashian. Non ci vuole molto a capirlo: sarà sufficiente sfogliare le prime pagine. Quello a cui dovrete essere preparati, invece, è la sua parziale uscita di scena nel momento in cui lascerà parlare Hector. Chi è? Hector è, o meglio è stato, un assassino. Omosessuale come Giorgio, con cui ha avuto giu- sto il tempo di intrecciare una brevissima relazione, uccideva le proprie vittime in situazioni molto precise e con altrettanto precisi criteri. Per Giorgio, le me- morie di Hector costituiscono il materiale con cui pubblicare il secondo libro. Per noi, invece, saranno la base su cui costruire nuove riflessioni sul concetto di giustizia, di dolore e di amore. Niente male come partenza, “nevvero”?
Ascolta L’introduzione letta da Renato Grilli

Presentazione presso la libreria Paci di Città di Castello (PG) del 4/12/2015